Succulente: caratteristiche, cura, foto e nomi.

Le piante grasse (dal latino succulentus, "succoso") sono piante che hanno tessuti speciali per la conservazione dell'acqua.

Il mondo delle piante d'appartamento è molto vario e insolito. Le piante grasse sono uno dei suoi rappresentanti con elevate proprietà decorative. Questo non è un genere o una specie separata, ma una sorta di associazione di piante che hanno caratteristiche simili.

Succulente

Caratteristiche principali

La maggior parte delle famiglie di piante contiene piante grasse, quindi questi fiori sono abbondanti.

Le caratteristiche delle piante grasse sono :

Senza pretese

Sono in grado di tollerare facilmente la mancanza di manutenzione e irrigazione. Questa proprietà proviene dagli antenati di queste piante, che crescono in condizioni molto difficili.

La necessità di illuminazione

L'habitat naturale della maggior parte delle piante grasse sono le aree aperte. Sono esposte alla luce solare diretta per la maggior parte della giornata, quindi queste piante amano la luce intensa, ma alcune di esse possono essere soggette a ustioni.

La presenza di parti in grado di accumulare umidità. Di solito si tratta di foglie o steli carnosi.

Le piante grasse sono intrinsecamente notturne. I processi metabolici si attivano con il tramonto. Questa caratteristica salva le piante nel loro ambiente naturale dall'essiccamento e dalla morte.

La presenza di uno strato protettivo sulle parti carnose. Di solito, questo è un rivestimento ceroso o una fitta copertura di peli fini.

Succulente

Varietà vegetali

Avonia

Una pianta amante della luce che richiede annaffiature attente e moderate. Avonia come genere indipendente esiste da oltre 20 anni. Combina almeno 25 tipi di fiori.

La pianta non è molto grande, i suoi steli hanno un diametro piccolo, non crescono più di otto centimetri. Le foglie sono quasi invisibili, sono ricoperte da piatti argentati. Coprono lo stelo molto densamente, formando una specie di squame. La pianta ha piccoli fiori poco appariscenti che si trovano all'estremità dello stelo e difficilmente si differenziano per l'ombra da esso.

Agave

La pianta ha oltre 250 specie. L'habitat naturale si trova nelle isole dei Caraibi e nel continente americano.

Il fiore si diffuse nel XVI secolo; divenne molto popolare per la sua insolita vegetazione.

Le foglie formano una rosetta, hanno una forma triangolare. La loro superficie è ricoperta da un rivestimento che ricorda la cera, i bordi sono tempestati di piccole spine.

La pianta è compatta, a crescita lenta, con una chioma di vari colori: verde, con una tinta bluastra, grigia, con strisce gialle o bianche o fibre leggere ai bordi.

Aloe

Una pianta amante della luce originaria delle foreste tropicali. È noto da tempo in Europa, può essere trovato nella collezione di quasi tutti i coltivatori. Le proprietà curative dell'Aloe non lasciano dubbi, il suo succo viene utilizzato in caso di raffreddore, ferite di vario genere e altre cose.

Le dimensioni e i tipi di questo fiore sono piuttosto vari: dalla piccola rosetta alle grandi piante simili ad alberi, alcune delle quali formano viti. Le foglie di aloe sono molto succose, hanno uno strato superiore denso, non ci sono piccioli.

Lithops

Lithops è una pianta molto interessante. La sua caratteristica è quasi il cento per cento di somiglianza con piccoli ciottoli. Il terreno roccioso è il principale habitat naturale per il fiore.

L'altezza delle sue due foglie fuse alla radice non supera i tre centimetri. La superficie ha un colore piuttosto vario: dal verde al grigio-marrone con fantasie e macchie. Le foglie giovani sostituiscono gradualmente le precedenti; il loro numero non cambia durante l'intero ciclo di vita della pianta.

Succulente

Cura

Le piante grasse sono fiori speciali. Da un lato, non sono affatto stravaganti e, dall'altro, per la loro crescita e il corretto sviluppo, è necessario aderire a determinate regole di cura:

Irrigazione

Le piante di questo gruppo non amano l'irrigazione abbondante. Troppa umidità provoca danni irreparabili alle radici. Questa caratteristica è dovuta alla capacità delle piante grasse di accumulare acqua e utilizzarla in modo molto economico.

La procedura deve essere eseguita dopo che il terreno si è completamente asciugato ed è rimasto in questo stato per diversi giorni.

In inverno il consumo di acqua da parte dei fiori è ulteriormente ridotto, quindi può essere aggiunta al substrato una volta ogni due o tre settimane. Alcuni tipi di piante grasse possono sopravvivere per più di due mesi senza umidità.

Illuminazione

La maggior parte di queste piante ama molto la luce. Richiedono il posizionamento sui davanzali delle finestre, dove le condizioni per la loro coltivazione sono ottimali.

Alcune specie soffrono di luce solare diretta e possono bruciare foglie e steli dei fiori. La luce diffusa è l'opzione migliore per conservare le piante grasse.

Temperatura

Le letture moderate del termometro sono più corrette per le piante grasse. Amano stare a questa temperatura dalla primavera all'autunno.

Lo svernamento avviene comodamente per i fiori ad una temperatura non superiore a 13 gradi. I bruschi cambiamenti nei valori di temperatura diurna e notturna creano un'atmosfera naturale per il corretto sviluppo delle piante.

Il suolo

Le piante grasse preferiscono il terreno sciolto e arioso. L'indicatore principale non è il valore nutritivo del substrato, ma la sua capacità di assorbire bene l'umidità e rilasciarla rapidamente.

Il drenaggio è una parte essenziale del riempimento della pentola. Ma il contenuto di torba nel substrato è una controindicazione, tale terreno non è adatto per la coltivazione di piante grasse.

Succulente

Capacità

Il vaso per questi fiori non dovrebbe essere di diametro molto grande e necessariamente poco profondo.

Riproduzione

Le piante grasse si riproducono in diversi modi: per semi, talee e foglie. Il materiale di propagazione delle piante si sviluppa bene se la sabbia lavata viene utilizzata come terreno. L'uso di una serra accelera il processo di germinazione o radicazione.

Molte piante grasse, quando tagliano le talee, secernono linfa, che interferisce con il processo di riproduzione. Questo problema può essere risolto in diversi modi: risciacquare con acqua tiepida o bruciare delicatamente. Le talee vengono piantate nel terreno solo dopo un po 'di essiccazione.

A volte le piante grasse si riproducono da sole. Basta che una foglia cada in una pentola e dopo un po 'avrà radici. La giovane pianta può essere trapiantata dal fiore madre.

Le piante grasse sono molto attraenti. A causa del loro aspetto insolito e della vegetazione lussureggiante, diventano un ornamento di qualsiasi composizione e deliziano i loro proprietari.